1996-09 Articolo: Fallimento cantiere SPERTINI a SANTA MARGHERITA

From NAUTIPEDIA
Jump to navigationJump to search

[1] testo:

Soluzione ormai scontata per la prestigiosa azienda rivierasca Addio ai Cantieri Spertini Fallimento a Santa Margherita

SANTA MARGHERITA.

Il tribunale di Chiavari ha decretato il fallimento dei cantieri navali <Spertini> di Santa Margherita, una delle aziende piu' note ed importanti del settore. L'udienza, inizialmente fissata per la fine di ottobre, e' stata anticipata dal presidente del Tribunale, su richiesta dei sindacati. L'istanza di fallimento era stata richiesta alla fine dello scorso agosto dalla stessa societa' proprietaria, controllata dall'amministratore Giorgio De Strobel di Campocigno, e da due fornitori. Alla base della domanda - a detta dei responsabili della societa' - la crisi del settore nautico, che ha colpito il cosiddetto <segmento alto> della produzione, tipico del cantiere sammargheritese. L'amministratore ha deciso di portare i libri contabili in Tribunale e chiedere il fallimento, dopo aver tentato di trattare la cessione dell'azienda. Da parte loro i sindacati ammettono che le difficolta' del cantiere sono da attribuirsi alla crisi del settore nautico e alla concorrenza dei Paesi asiatici, ma anche a <carenze manageriali> . Nel frattempo i dipendenti sono riuniti in assemblea permanente all'interno del cantiere stesso. Unica nota positiva nell'ambito della vicenda, il fatto che e' stato ottenuta una sentenza anticipata. In questo modo potranno essere presto adottati i cosiddetti <ammortizzatori sociali>. Circa meta' dei dipendenti, del 4 in tutto tra impiegati, maestri d'ascia, carpentieri, elettricisti, disegnatori e meccanici, andra' in pensione anticipata; per gli altri scattera' la cassa integrazione. Ieri i lavoratori hanno incontrato i rappresentanti sindacali ed il curatore fallimentare, Gian Alberto Mangiante, al quale hanno chiesto un incontro urgente all'ufficio provinciale del lavoro, per avviare le procedure del caso. Per i responsabili sindacali, oltre ai ptroblemi che si porranno per le maestranze del cantiere va sottolineato anche il brutto colpo all'immagine del Tigullio produttivo, specie nel campo della nautica. L'unica speranza e' che, a fallimento effettivo, si presenti qualche compratore. Nei mesi scorsi c'erano stati alcuni contatti, ci si augura che il discorso possa essere ripreso.

27-09-1996 -