2013 09 Articolo: Dipendenti in ansia Cantieri Estensi a rischio fallimento

From NAUTIPEDIA
Jump to navigation Jump to search

http://lanuovaferrara.gelocal.it/cronaca/2013/09/20/news/dipendenti-in-ansia-cantieri-estensi-a-rischio-fallimento-1.7782006

testo:


Dipendenti in ansia Cantieri Estensi a rischio fallimento

SAN GIOVANNI. I prossimi mesi saranno particolarmente importanti per Cantieri Estensi l’azienda con sede nell’area Sipro a San Giovanni di Ostellato che fino a qualche tempo fa produceva imbarcazioni...


SAN GIOVANNI. I prossimi mesi saranno particolarmente importanti per Cantieri Estensi l’azienda con sede nell’area Sipro a San Giovanni di Ostellato che fino a qualche tempo fa produceva imbarcazioni di lusso. Un creditore ha presentato un’istanza di fallimento che verrà discussa il 13 gennaio del 2014 in Tribunale a Ferrara. I 55 lavoratori si trovano attualmente in cassa integrazione vi rimarranno fino al 2 dicembre. La società aveva presentato un piano industriale che non era stato giudicato credibile. Anche i sindacati sono preoccupati per il futuro di un’azienda che era nata sotto i migliori auspici (all’inaugurazione era presente anche il compianto Lucio Dalla, grande appassionato di barche) che nel giro di poco tempo si era conquistata la fiducia di numerosi clienti. Qualche giorno fa gli stessi sindacati hanno inviato un’email a Stephen Julius, presidente di Chris-Craft Corporation, fondatore e amministratore della Stellican Ltd, società di privat-equity con sede a Londra, azienda che si concentra su investimenti in rilancio di aziende con marchi noti che sono fallite, interessato all'acquisto di Cantieri Estensi così come ai Cantieri Navali di Pisa. Nella risposta lo stesso Julius informa laconicamente i sindacati che «se avrò bisogno vi contatterò». Julius qualche tempo fa era calato a Ferrara dove aveva incontrato alcuni esponenti di Unindustria Ferrara, la presidente della Provincia, Marcella Zappaterra ed alcuni dirigenti di istituti bancari per cercare di ottenere dalle banche un fido di cinque milioni di euro. «Questa presenza anglo-americana non ho mai capito quale rilievo di concretezza avesse - afferma Andrea Marchi sindaco di Ostellato - non abbiamo bisogno di false speranze. Occorrerà fare una valutazione e vedere che cosa si può fare, capire se ci può essere un interessamento da parte di qualcuno per una fabbrica modello con una manodopera altamente specializzata». 20 settembre 2013