2017 07 Articolo: Mario Tarabocchia: l’eminenza grigia dello yacht design internazionale

Da NAUTIPEDIA.

https://www.nauticareport.it/dettnews.php?idx=6&pg=8695

txt:


TARABOCCHIA CANTIERE (1).png


https://www.nauticareport.it/resizer/resize.php?url=public/top1540.jpg&size=498x280c50

Mario Tarabocchia: l’eminenza grigia dello yacht design internazionale

di Fabrizio Fattori

L’isola di Lussino, nel nord dell’Adriatico, poco distante dalle coste dalmate, è da sempre e malgrado i trascorsi geopolitici, un luogo di grandi passioni nautiche: pescatori e marinai ma anche armatori e costruttori.

Uno su tutti è rappresentato dal cantiere navale della famiglia Martinolich che con Nicola e successivamente Marco, tra fine ottocento e inizio novecento, rappresentarono l’eccellenza della navigazione a vapore e non solo, realizzando per la marina austriaca più di 9ooo tonnellate di navigli. (Tra questi ricordiamo l'Imperatrice Elisabetta – Sissi, di 2500 tons).


TARABOCCHIA CANTIERE (1).jpg Lussinpiccolo Il Cantiere Martinolich - Da www.editfiume.com

Ma anche yachts che per eleganza e razionalità fecero, di Lussinpiccolo, l’isola dei cantieri, un centro di eccellenza per molti decenni. Tra i progettisti troviamo Piero Tarabocchia direttore del cantiere fino agli anni 40 autore di imbarcazioni come l’ AMERITA del duca d’Aosta, la CROCE DEL SUD, il LYNX e il DORELLO divenuto con il nome di Morning Star detentore di un record di velocità sulla distanza LosAngeles-Honolulu.



A questa scuola di eleganza e funzionalità si forma Mario Tarabocchia, figlio di Piero che dopo aver completato la sua formazione al Nautico di Lussino inizia a collaborare fattivamente al cantiere del padre. Appena ventenne progetta due yachts : uno schooner di 17 metri il MARIA LUCREZIA ed un cutter di 12 metri l’ OMBRETTA che verranno varati entrambi nel 1939.


TARABOCCHIA INTREPID (2).jpg Intrepid races pass Castle Hill Inn - Photo by www.americascupcharters.com

Anche la collaborazione con Niccolò Costanzi, ingegnere navale esperto di navi passeggeri, ai Cantieri riuniti dell’Adriatico di Monfalcone, completerà la sua formazione grazie alla quale, trasferitosi negli Usa nel 1956, diverrà, in breve, (1960) apprezzato yacht designer per lo studio Sparkman & Stephens di Madison avenue attivo dal 1929, con il quale collaborerà per oltre venti anni, risultando essere una vera autorità mondiale nella progettazione di 12 metri S.I, tra i quali vanno ricordati Il Costellation, l’Intrepid, il Valiant, il Coreageus ed il Freedom.

Alla sua scuola si formeranno apprezzati progettisti come Mull, Kaufman, Frers e molti altri, ai quali trasferirà la sua grande capacità di affrontare in modo creativo il rigore necessario imposto dalle grandi sfide a cui il mare obbliga, specie quando si compete ai massimi livelli come l'America's Cup.

Fabrizio Fattori

In copertina una vecchia foto di Lussinpiccolo da www.skyscrapercity.com