APREAMARE

From NAUTIPEDIA
Jump to navigationJump to search

http://www.apreamare.it/

Storia del cantiere APREAMARE

La storia dei cantieri Apreamare risale al lontano 1849, quando Giovanni Aprea comincia a realizzare artigianalmente a Sorrento gozzi da pesca, a remi e a vela, costruiti secondo le linee tipiche dello storico gozzo sorrentino. La tradizione di famiglia prosegue e si tramanda prima al figlio Cataldo e poi ad alcuni dei suoi figli, in particolare il primogenito Giovanni. E’ in questi anni, nel secondo dopoguerra, che viene introdotta la prima significativa innovazione con l’applicazione sui gozzi di motori di derivazione automobilistica. Il cantiere inizia in questo modo a produrre i primi gozzi per l’uso diportistico, settore che diventa subito prevalente rispetto a quello della pesca professionale.

L’ingresso di Cataldo Aprea nel cantiere di famiglia, avvenuto nel 1973, segna una importante svolta nella gestione dell’azienda e dei metodi di produzione. Per questo, Cataldo Aprea, animato da idee innovative e rivoluzionarie decide, insieme a Salvatore Pollio, imprenditore edile che intuisce le potenzialità e le creatività del settore, di mettersi in proprio e fondare nel 1983 il cantiere Apreamare. Sfruttando in modo nuovo le esperienze maturate a fianco del padre, Cataldo Aprea disegna e costruisce in piccola serie il primo modello denominato Smeraldo 7, un gozzo a motore di 7 metri, che viene presentato con successo al Salone Nautico di Napoli nel 1987.

Nel 1985 Cataldo Aprea, assieme all'imprenditore edile Salvatore Pollio, si mette in proprio e fonda il cantiere APREAMARE

Nel 2001, dopo essere diventata società per azioni, entra nel GRUPPO FERRETTI

Nel 2004 si trasferisce al Polo Nautico di Torre Annunziata

Nel 2010 la società Apreamare S.p.A ritorna in proprietà al 100 % delle famiglie Aprea e Pollio.


PRESS


MODELLI


ADV