Mostra “Carlo Sciarelli, Architetto del mare”

Da NAUTIPEDIA.

[1]

Carlo Sciarrelli


Architetto del mare

Civico Museo del Mare, via Campo Marzio 5

Visto il successo di pubblico della mostra sul progettista Carlo Sciarrelli, l’assessore alla cultura e alla comunicazione Massimo Greco ha annunciato la proroga dell’esposizione fino al 6 gennaio. Dal 4 dicembre al 6 gennaio da martedì a domenica 8.30 - 13.30, chiuso nelle feste civili e religiose, 8 e 25 dicembre e 1 gennaio

La mostra, allestita presso il Museo del Mare di via Campo Marzio, 5 sulle rinnovate Rive, comprende modelli delle imbarcazioni, documenti inediti, fotografie e una selezione di progetti originali, oltre ad alcuni oggetti privati di Sciarrelli: i suoi libri preferiti, la musica che amava, gli strumenti di lavoro. E’ presente inoltre una ricca selezione di documenti video, che mostrano l’architetto e il suo mondo realizzati nel corso di questi ultimi anni dalla Rai, da Mediulanum channel e da molti armatori e amici dell’architetto. Ricordiamo che fino a domenica 2 dicembre gli orari di visita sono dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 16.00 alle 19.00, mentre dal 4 dicembre al 6 gennaio 8.30 - 13.30, da martedì a domenica.

Le barche di Carlo Sciarrelli sono ammirate in tutto il mondo e i suoi progetti rimarranno nella storia e nella memoria perché realizzati “come il mare comanda” e non sull’onda della moda passeggera. Sono semplicemente belli e la bellezza è senza tempo. “il bello non è nuovo, il nuovo non è bello”, soleva dire Sciarrelli con uno dei suoi acuti paradossi. Venerdì 5 ottobre 2007 alle ore 18 nel Civico Museo del Mare in via Campo Marzio n. 5 a Trieste, avrà luogo l’inaugurazione della mostra “Carlo Sciarrelli. Architetto del mare”, promossa dall’Assessorato alla Cultura e alla Comunicazione del Comune di Trieste e realizzata dalla Direzione dell’Area Cultura e dai Civici Musei Scientifici, per l’organizzazione di Comunicarte.

L’Assessore alla Cultura Massimo Greco, sottolinea come si voglia rendere omaggio a Carlo Sciarrelli, celebre architetto e progettista navale scomparso nel 2006, con un’ampia rassegna, che si apre proprio in occasione della grande regata velica Barcolana 2007 (6 – 14 ottobre), l’appuntamento annuale della città con la grande kermesse del mare, che culminerà domenica 14 ottobre quando più di 1800 barche animeranno il golfo di Trieste in una gara spettacolare e assolutamente unica. Dal 1960, anno in cui realizzò la sua prima imbarcazione, fino all’anno della sua scomparsa, Sciarrelli ha progettato oltre 150 imbarcazioni, varandone 400 per armatori di tutto il mondo sia pubblici (il SAGITTARIO, per la Marina Militare) che privati.

Ricordiamo solo alcuni nomi delle sue bellissime barche: ANFITRITE, il disegno numero 1 del 1960, AGLAJA del 1964 e poi via via ASTARTE, AURIGA, CHIRONE, ATTICA, NABABBO, TIZIANA IV, ISABELLA e tante tante altre. I suoi disegni fanno ormai parte a pieno titolo della storia e dell’evoluzione dello yachting. I suoi lavori sono stati esposti al Centre George Pompidou di Parigi nel 1985-1986, nella mostra “Le bateau blanc” nell’ambito delle manifestazioni “Trouver Trieste” coordinate per il Comune di Trieste da Luciano Semerani. I’ 8 marzo del 2003 Carlo Sciarrelli, ha ricevuto la laurea honoris causa in Architettura, presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Venezia, in considerazione dei fondamentali contributi apportati alla progettazione dell’arte navale anche dal punto di vista editoriale. Nell’ ottobre dello stesso anno ha ricevuto dalle mani del Sindaco Roberto Dipiazza la Civica Benemerenza, tributo prestigioso a un concittadino illustre, che ha valorizzato, attraverso la sua opera, il nome di Trieste in tutto il mondo. Il percorso espositivo è il frutto di un lavoro collettivo dei numerosi estimatori (progettisti, armatori, collezionisti, esperti del settore) del progettista. L’allestimento e l’immagine coordinata sono firmati da Comunicarte di Michelli e Schiozzi.

La mostra “Carlo Sciarrelli, Architetto del mare”, allestita presso il Civico Museo del Mare di Trieste, ubicato sulle rinnovate Rive, comprende modelli delle imbarcazioni, documenti inediti, fotografie e una selezione di progetti originali - tutti gentilmente concessi dagli eredi e da vari armatori - oltre ad alcuni oggetti privati: i libri preferiti, la musica che amava, gli strumenti di lavoro. Verrà inoltre messa in rilievo la relazione con i cantieri che hanno realizzato le imbarcazioni, un rapporto di rispetto e di amicizia con le maestranze e con i maestri d’ascia, con le “persone”, che più delle tecnologie “donano l’anima alle barche“, come lui spesso diceva.

Sarà anche possibile visionare una ricca selezione di documenti video che mostrano Sciarrelli e il suo mondo realizzati nel corso di questi ultimi anni dalla Rai e da molti armatori e amici dell’architetto. Una mostra dunque, che si pone come omaggio e saluto a Carlo Sciarrelli, uomo speciale, fuori dal tempo e dalle mode, capitano di barche e di locomotive.