ALPA 12,70

Da NAUTIPEDIA.
Versione del 26 set 2019 alle 17:29 di Nautipedia (discussione | contributi) (PRESS)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
ALPA 12.70
Alpa-12.70-12.50-m-slika.jpg
Cantiere: ALPA
Tipologia: SAIL CRUISER
Armo /costruzione: SLOOP
Versioni: 2: tuga lunga e corta
Lunghezza omologazione m: 12.50
Lunghezza fuori tutto m: 12.65
Lunghezza al galleggiamento m: 9.12
Larghezza m: 4.48
Pescaggio m: 2.08
Materiale costruzione scafo: GRP
Materiale costruzione sovrastrutture: GRP
Anno inizio costruzione: 1969
Anno fine costruzione: 1977
Totali prodotte: 12/15
Progettista: SPARKMAN & STEPHENS
Designer: [[]]
Basic engine: DIESEL ENTROBORDO 45 HP
Engine model:
Disposizione standard:
Note:
Link:
For sale:
For charter:
Esporta: speciale:Esporta/
GUARDA LE ALTRE REALIZZAZIONI DEL CANTIERE/BRAND

STORIA

Alla fine degli anni '60 Toni Pierobon aveva maturato l'idea di far disegnare e costruire un monotipo, di non meno di 30 piedi al galleggiamento (la misura minima ammessa all'Admiral's Cup), insieme con un gruppo di altri undici armatori italiani, che potessero conseguentemente competere tra di loro ad armi pari.

Mise insieme un sindacato che commissionò a Stephens un buon disegno , quello dell'Alpa 12,70. Restava solo da identificare un cantiere che potesse affrontare la costruzione mantenendo e rispettando gli elevati standard qualitativi di S&S. Pierobon individuò per questo l'Alpa SpA.

Come ha meticolosamente ricordato Davide Zerbinati (Alpa, 1998, ricerca per una tesi di laurea), il titolare del cantiere, Danilo Cattadori, uomo brillante e intelligente, non tardò a comprendere che l'accettare la commissione da parte del "sindacato Pierobon" per costruire una barca su disegno niente meno che di Sparkman & Stephens, lo avrebbe proiettato per sempre e in via definitiva nel mondo della grande cantieristica. Andò esattamente così.

Cattadori accettò da parte dei nuovi committenti la sfida e costruì l'Alpa 12,70, su progetto di Stephens, accettando anche la supervisione dei periti del Lloyd's Register of Shipping di Londra, che certificarono la barca in classe 100 A1 (condizione che Pierobon aveva posto come essenziale e non negoziabile).

Secondo quanto viene riportato in un articolo pubblicato su Yachting & Boating Weekly l'11 febbraio 1970 (pag. 11), in cui si parla di questa nuova e prodigiosa barca voluta da Pierobon, l'Alpa progettava di varare in pochi anni ben 135 esemplari della 12,70. Per vari motivi ne vennero costruite "solo" quattordici (una fu anche acquistata da Marivela, la sezione sportiva della nostra Marina Militare).

Nel 1971 venne realizzata una versione da crociera chiamata Tuga lunga sempre su progetto di S & S con miglior abitabilità e confort con altezza in cabina in ogni punto dell'imbarcazione. Si differenzia dalla tuga più lunga che prosegue verso prua oltre l'albero e con 5 oblò anziché 3

Apparentemente tutte le barche sono ancora oggi naviganti. Purtroppo per costruire tutte le 12.70 ci volle un periodo piuttosto lungo, e nel frattempo era stata introdotta la nuova regola di stazza IOR (International Offshore Rule), che penalizzava assai le barche concepite per la stazza RORC.

Forse anche per questa ragione Cattadori non portò a termine l'ambizioso progetto, ciò nonostante le poche 12,70 varate e naviganti si difesero nelle competizioni mediterranee, riportando successi ammirevoli, soprattutto per la loro abilità (tipica e caratteristica delle barche S&S) di bolinare, soprattutto con vento fresco.

Dopo la chiusura del cantiere lo stampo fu rilevato dai Cantieri del Transimeno di Viareggio che modificarono la coperta e gli interni per rendere l’ imbarcazione più confortevole. Nacque così il CT 43 HUNRAKEN.


VERSIONI

1971 04 PRESS ALPA 12.70 Quattroruotemare (3).jpg



PRESS


FLEET


ADV