DELTA

From NAUTIPEDIA
Revision as of 18:05, 7 February 2022 by Nautipedia (talk | contribs)
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to navigationJump to search
DELTA
Delta plate.jpg
Ragione sociale : DELTA ITALIA srl
Data fondazione :
Situazione: attivo
Tipo: costruttore
Produzione prevalente: MOTORE IN LAMELLARE
Indirizzo: Via Monte Cadria

CAP:

00054 FIUMICINO ROMA
Stato: ITALIA
Telefono/Fax: 06 6523524 65029589 fax 6584499
e-mail: info@deltaitaliasrl.it
Sito ufficiale: [1]
Gruppo: /
Altri link: /
Personaggi: /
Note: TIBER BOAT SERVICE via Poggia Scafa 113 00054 Fiumicino-Roma
Google map: /
Cod:

(DAL SITO)...

I cantieri Delta hanno iniziato la loro attività ad Anzio negli anni ’60 con la costruzione in lamellare di legno di sei imbarcazioni progettate dall’Ing. RENATO SONNY LEVI sulla lunghezza di 36’ e destinate alle gare offshore. Lo stesso team tecnico, peraltro, già da tempo aveva operato sotto la direzione del famoso progettista inglese e garantiva quindi costruzioni di altissima qualità tecnologica. Non stupisce perciò che una di queste imbarcazioni da corsa, il Delta Blu di Vincenzo Balestrieri nel 1966, sfiorò il titolo mondiale. Dalla stessa carena e sotto la direzione dello stesso progettista, i cantieri Delta realizzarono i primi tre prestigiosi FAST COMMUTER della storia della nautica da diporto mondiale: il G.CINQUANTA per l’avvocato GIANNI AGNELLI , il BARBARINA per il conte MARIO AUGUSTA e l’ HIDALGO per ROBERTO OLIVETTI . Nati per “precedere al traguardo il vincitore di una gara di offshore”, questi scafi interpretavano una nuova maniera di andar per mare: velocità superiori ai 50 nodi, massima sicurezza, grande confort, massima semplicità e facilità di manovra, assoluta eleganza, basterà ricordare che lo styling era stato curato da grandi firme del design quali Pininfarina, Gae Aulenti etc.

Nel 1970 i cantieri Delta trasferiscono la loro sede a Fiumicino e qui, infatti, venne costruito AQUARIUS , uno sportfisherman da 56’ per un cliente di Città del Capo (Sud Africa) che raggiunse con i suoi mezzi il porto d’armamento e che tutt’ora vanta un record mondiale assoluto di catture nelle difficili acque che vedono l’incontro-scontro di due oceani ruggenti come l’Atlantico e l’Indiano. Successivamente il cantiere Delta realizzò il veloce cruiser da diporto CORSARA il primo fast commuter a montare oltre 2.500 cavalli diesel in una scocca di lamellare. Anche in questo caso l’opera viva era di RENATO SONNY LEVI e lo styling di PININFARINA .

L’elenco della produzione dei cantieri di Fiumicino si allunga con lo sportfisherman MIGS, con il lussuoso motor yacht TRIFOGLIO realizzato per il principe Alberto di Liegi e con una serie di imbarcazioni minori, sempre però estremamente veloci e caratterizzate da alcune tra le prime applicazioni delle trasmissioni di superficie.

Attualmente il nuovo team di progettazione dei cantieri Delta sta lavorando ad una imbarcazione da diporto veloce a struttura geometrica idrodinamica, già sperimentato con ottimi risultati in scafi da gara.


DA Articolo: Novantanove barche – (Seconda puntata)

Intanto, a Fiumicino, presso la foce del Tevere, era nato il Cantiere Delta. In realtà, questo cantiere era nato nell’entroterra di Anzio, quando Renato Levi, dopo aver “divorziato” dalla Navaltecnica, iniziò a progettare una serie di “fast commuter” per il Conte Agusta, il dottor Olivetti e l’avvocato Gianni Agnelli. Il Cantiere Delta era alle Falasche in un casolare dove, per far uscire la barca dell’Avvocato Agnelli, un G.50, fu necessario abbattere un muro. Le maestranze erano composte soltanto da Guido Tujach e da un giovane aiutante “scalda colla”… ma da quel casolare uscirono barche che hanno scritto la storia della motonautica mondiale.

Il Cantiere Delta si trasferì alla foce del Tevere quando fu impostato il Corsara per il Principe Ali Aga Khan, motorizzato con due CRM da 1359 CV, con intorno un po’ di scafo, molto poco! Dopo Corsara fu la volta dello sport fisherman Aquarius che andò in Sudafrica.

In accordo con Alfamarine, dopo il Bronte, progettammo a firme unite:

  • il Trifoglio per il Principe Alberto di Liegi, l’attuale Re del Belgio, scafo con carena Delta in lamellare, di 18 mt con due motori GM da 850 CV;
  • il MIGS, uno sportfisherman di 15 metri
  • Quattro esemplari del veloce Delta 33 che a 3,5 Tonn con due Aifo da 220 CV tirava i suoi 36 Kn. Il Delta 33 aveva una carena con un diedro di 26°, eliche di superficie e trasmissione Step-Drive.

FLEET


DELTA ANNUARIO NAUTICA .jpg